Quante sfumature di grigio?

Leggi

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».
 
Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: ”È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».
 
Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
 
Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

(Gv 8,51-59 – Giovedì della V settimana di Quaresima Anno A)

Medita

Bianco o nero? L’acceso contrasto tra Gesù e i giudei scoppia nella violenza. Le parole non bastano più…per loro occorre passare ai fatti: ucciderlo. E così quei giudei hanno rifiutato la parola che dà la vita: «In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». O si muore o si vive. O si accolgono le parole di Gesù oppure si rifiutano. Non ci sono mezze misure, anzi queste sono preludio alla morte interiore. Questo brano, dunque, provoca fortemente la nostra vita quotidiana. Sappiamo che nella realtà non tutto è bianco o nero, ma molto spesso vi sono tante tonalità di grigio più o meno intense. Cosa fare allora? Dobbiamo imparare ad incamminarci verso la luce, per far sì che gradualmente la Parola di Gesù schiarisca le nostre tenebre, le nostre violenze sommerse, i nostri peccati. La fede è quella luce del cuore che ci aiuta a vedere chi è veramente Gesù.

Vivi

Ci stiamo avvicinando alla Pasqua. Sii schietto con te stesso:

Non sono stanco del grigiore della mia vita? Sto vivendo o sopravvivendo? Dove sto guardando?
“Signore, aiutami ad accogliere la tua Parola che dà la vita”.

Condividi nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: