esser visti

Il desiderio di esser visti

Leggi

In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

(Mc 10,46-52 – Giovedì dell’Ottava Settimana del Tempo OrdinarioAnno B)

Medita

Bartimèo è un uomo che negli anni è diventato cieco. Sta ai margini di Gerico, all’uscita della città, cioè nella parte periferica. E vive di elemosina. Tra l’altro non potendo vedere le persone che passano non può rivolgersi a loro direttamente, ma può solo sentire i rumori, e dunque chiedere l’elemosina nella speranza che qualcuno lo senta, lo veda e lo aiuti.

Proprio così, di volta in volta la speranza di questo cieco è quella di esser visto. Se ci pensiamo un attimo ciascuno di noi non è lontano dalla condizione di quest’uomo. Quante volte elemosiniamo lo sguardo degli altri? Attraverso le parole, i gesti, i social… C’è sete di esser visti. È normale. Non c’è bisogno di allarmarsi. È profondamente umano cercare lo sguardo di chi vorresti che ti amasse, che ti aiutasse.

Eppure, sempre quest’uomo, diventa icona del “salto della fede”. Comincia a gridare il suo bisogno a Gesù. Sentendo che passava di là, comincia a gridare. Pensiamo la scena. Nonostante i rimproveri della gente gridava più forte! Non gli interessa più lo sguardo degli altri (incapaci di dissetarlo), cerca solo quello di Cristo. Finalmente avviene l’incontro, perché Cristo ha udito il suo grido, si è fermato, lo ha chiamato e guarito.

Vivi

Il profondo desiderio che abbiamo nel cuore è quello di sentirci amati da uno sguardo incondizionato.

Grida questo desiderio a Dio. Rivolgiti a lui con tutto ciò che senti, specialmente a partire dalle contraddizioni che la vita ti presenta.

Vuoi ricevere nella tua mail il commento al vangelo quotidiano?

Condividi questo articolo nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: