Ma come ragiona Dio?

Leggi

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore. Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

(Lc 6,12-19 – Martedì della XXIII settimana del Tempo Ordinario Anno B)

Medita

Oggi troviamo Gesù che deve fare una scelta importante: scegliere i dodici, cioè scegliere coloro che saranno le colonne su cui costruirà la sua Chiesa. E per fare questa scelta compie un azione fondamentale: passa tutta la notte in preghiera. Gesù vive questo grande momento di comunione e relazione con il Padre durante le ore più buie ma più tranquille della giornata. Perché prega? Lui è Dio, avrebbe potuto scegliere tranquillamente. Gesù oggi ci vuole trasmettere uno stile vincente quando dobbiamo prendere decisioni importanti: pregare con forza e fiducia il Padre perché possiamo scegliere secondo il suo piano d’Amore e di salvezza.

Continuando la lettura sorge spontanea una domanda. Ma che è servita questa preghiera se poi il frutto è stato scadente. Perché in fin dei conti Gesù ha preso quasi i peggiori: tra i dodici c’è Pietro (colui che lo rinnegherà tre volte e colui il quale Gesù chiama Satana), ci sono i figli di Zebedèo che vogliono approfittare della raccomandazione per occupare i posti d’onore, c’è perfino Giuda Iscariota, colui che lo tradirà. Beh, usando la logica umana, possiamo dire che è stato un flop. Eppure Dio non usa categorie umane, Lui vede il quadro completo, Lui sa vedere oltre. Tutto ciò che succederà servirà per compiere il suo piano di salvezza.

Vivi

Abbi fede, anche quando tutto sembra andare a rotoli

prega incessantemente durante la notte delle tue preoccupazioni e fidati di Dio, Lui ti guiderà per sentieri particolari ma alla fine sarà la vittoria: la risurrezione.

Vuoi ricevere nella tua mail il commento al vangelo quotidiano?

Condividi questo articolo nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: