Da uno sguardo d’amore scaturisce il cambiamento

Leggi

In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».

(Mt 9, 9-13 – San Matteo – Festa)

Medita

Gesù compie due gesti: vedere e parlare. Prima di tutto guarda un uomo, guarda cioè l’umanità di Matteo e dopo averla vista lo chiama: seguimi. A Gesù non importa cosa aveva combinato fino a quel momento Matteo, si sapeva che era un esattore delle tasse, in poche parole un traditore in quanto riscuoteva le tasse per i romani nonostante fosse giudeo. Eppure a Gesù non interessa, non lo giudica, lo guarda con amore e lo chiama a seguirlo. Quel gesto d’amore ha permesso a Matteo di cambiare in un istante la sua vita perché aspettava quello sguardo da sempre. E tramite quello sguardo d’amore ha saputo cambiare.

Ovviamente dovevamo aspettarci delle critiche a Gesù per quanto aveva fatto: i farisei si rivolgono ai discepoli chiedendogli come mai stava con quei peccatori. Ma Gesù ci dà la motivazione principale di ciò che interessa a Lui: non sono i sani ma i malati ad avere bisogno del medico. Gesù è venuto principalmente per i peccatori, per i bisognosi d’amore, per chi è nella perdizione. Gesù è venuto e viene nella nostra esistenza per noi peccatori, perché siamo noi ad avere più bisogno di Lui.

Vivi

Non pensare che il tuo peccato ti allontani da Lui

Gesù è morto ed è risorto per liberarti e per salvarti, abbandonati a Lui e sperimenta il suo perdono e la sua pace, questo incontro ti cambierà la vita.

Vuoi ricevere nella tua mail il commento al vangelo quotidiano?

Condividi questo articolo nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: