Signore, da chi andremo…

Leggi

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».

Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».

Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».

Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

(Gv 6,60-69 – Sabato della III settimana di Pasqua – Anno C )

Medita

L’incontro con Cristo è qualcosa di straordinario e di sconvolgente, ti cambia la vita, ti inonda di luce, pace e serenità. Ma tutto questo accade solo se hai il cuore aperto e, anche se in piccola parte, predisposto all’accoglienza di questo grande Mistero. Ma non tutti riescono ad accettare la Verità di Gesù Cristo in quanto, tale verità, non può venire da un semplice ragionamento umano, ma proviene da un atto di fede.

Dopo che Gesù parla del suo Corpo e del suo Sangue come cibo di cui nutrirsi, dopo che ha parlato di resurrezione dalla morte e di sedere alla destra di Dio Padre, l’Evangelista ci dice che molti discepoli se ne andarono. Se rimaniamo chiusi dietro una concezione razionale, senza fare il salto della fede, anche noi gireremo i tacchi e ce ne andremo con la tristezza nel cuore.

Gesù guarda i dodici e gli dice: anche voi volete andarvene? Questa domanda deve risuonare forte nel nostro cuore, perché Gesù, oggi, ci chiede la stessa cosa. Pensi che lontano da Dio la tua vita sia migliore, pensi che tutto quello che ti propone Dio, il cristianesimo, sia sbagliato o folle o ti limita la libertà? Puoi andare. Ma l’unica risposta che ci frullerà nella mente dovrà essere: ma dove devo andare? Per quanto possa gestire la mia vita da solo/a dove trovare la vera felicità e soprattutto quella eterna? Nei soldi? In una brillante carriera? Nel mondo sportivo, musicale, nell’essere un eroe o nel fare tutto ciò che voglio? Penso che, chi più chi meno abbia fatto queste esperienze e si sia accorto di quanto sono limitate e finite. Allora la nostra risposta dovrà essere come quella di Pietro: Signore, da chi andremo, solo tu hai parole di vita eterna!

Vivi

Nella vita capitano momenti bui, di sconforto, di delusione nei confronti della vita e di Dio, momenti nei quali avresti voluto che le cose andassero per un verso ed invece sono andate completamente al contrario, e la cosa immediata che ci viene da fare è andarsene via

ma dove andremo, solo Cristo è la vita, solo Cristo è la risurrezione, solo Cristo è la via della nostra piena ed eterna felicità.

Vuoi ricevere nella tua mail il commento al vangelo quotidiano?

Condividi questo articolo nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: