Quello che hai preparato, di chi sarà?

Leggi

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».

E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede».

Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

(Lc 12,13-21 – XVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C)

Medita

Viviamo in un’epoca dove il carrierismo e l’individualismo spietato la fanno da padrone. Spendiamo una quantità enorme di energie, lottiamo, studiamo, soffriamo per raggiungere poltrone, titoli, sicurezza dal mondo, ricchezze ecc. Passiamo quasi tutta la nostra esistenza con l’ansia e l’affanno di accumulare ricchezze, certezze umane, relazioni di qualsiasi genere, per avere la “sicurezza” di godere di tutto ciò per lungo tempo. Ma capita che, dopo aver faticato e sofferto così tanto, o perdiamo tutto o dobbiamo lasciare il frutto di così tanto sforzo a qualcuno che, senza faticare, godrà del nostro lavoro. E quando succede questo ci accorgiamo di aver perso la vita dietro a cose inutili che non ci donano niente se non il gusto amaro del fallimento.

Noi curiamo di più le cose materiali che non quelle dello spirito che viene da Dio. Invece, Gesù, oggi ci dice che, bisogna accumulare la ricchezza dello Spirito che viene da Dio, cioè: l’amore reciproco, il perdono, la preghiera, ecc. Chi accumula queste ricchezze né godrà eternamente. Chi non le accumula perderà tutto: “a che serve accumulare tesori in terra dove il tempo e la rugine consumano tutto, dobbiamo accumulare tesori spirituali che durano sempre e ci arricchiscono”.

Vivi

A che serve accumulare tutto qui quando, prima o poi, dovremo lasciare tutto necessariamente?

Non farti fregare, tu arricchisci la tua anima e la tua persona presso Dio, una ricchezza senza eguali. Liberati di tutto il superfluo e osa scommettere su ciò che Dio ha messo nel tuo cuore.

Vuoi ricevere nella tua mail il commento al vangelo quotidiano?

Condividi questo articolo nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: