multi colored chairs in row

Chi è l’umile?

Leggi

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

(Lc 14,1.7-11 – Sabato della XXX Settimana del Tempo Ordinario Anno pari)

Medita

Chi è l’umile? Colui che sceglie l’ultimo posto o il primo posto? L’umile è colui che sa stare al proprio posto, lì dove Dio lo ha pensato e collocato.

Per vivere nell’umiltà abbiamo bisogno del discernimento, cioè di comprendere, nella verità, quale sia realmente il mio posto. E quando io sarò nel mio posto non avrò paura di essere in un posto inferiore o superiore, non adatto a me, ma avrò la capacità di vivere nella verità ciò che Dio mi ha donato.

Invece il superbo, che è l’opposto dell’umile, è colui che pretende un posto diverso dal suo, fosse anche un posto meno importante. Lo farà non per umiltà o per discernimento, ma nella superbia di apparire ciò che non è per essere elogiato dagli altri.

L’umiltà non è quell’atteggiamento che ti fa vivere sempre all’ombra, con il capo chino, e gli occhi mesti. Al contrario. L’umiltà, compagna della verità, ti dona la possibilità di poter vivere tutto, nella coscienza che tutto viene da Dio e a lui fa ritorno.

Il modello dell’umile è Gesù, che nel vangelo ha detto:” imparate da me che sono mite ed umile di cuore”.

Vivi

Oggi cerca di fare dei gesti di umiltà…

…cioè compi con estremo amore tutte le tue azioni, dalle più importanti a quelle più banali.

Vuoi ricevere nella tua mail il commento al vangelo quotidiano?

Condividi questo articolo nei tuoi social

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: